Normativa ristrutturazione edilizia: cosa comprende la legge?

La normativa ristrutturazione edilizia è molto articolata e spesso risulta complessa.

In questo breve approfondimento cercheremo di fare un po’ di chiarezza. Per qualsiasi dubbio o perplessità, però, ti invitiamo a rivolgerti al tuo professionista di fiducia.

Solo in questo modo potrai avere la certezza sugli interventi di ristrutturazione autorizzati dalla legge e le relative detrazioni fiscali 2018.

Per non perderci nei meandri della legislatura affronteremo solo il quadro generale che lega ristrutturazione edilizia ed efficienza energetica.

Il panorama normativo di riferimento sulla ristrutturazione edilizia

Il quadro di riferimento ancora in vigore nel 2018 è il Testo unico delle imposte sui redditi. Nel DPR 917/1986 vengono indicate le detrazioni che ti potrebbero interessare.

Si tratta, in particolare, di:

  • detrazioni per oneri (art. 15);
  • detrazioni per le spese di riqualificazione energetica degli edifici (art 16 bis).

Nel ventennio successivo si sono susseguite ulteriori disposizioni di legge e direttive. Interventi mirati a confermare gli aspetti salienti o chiarire i dubbi sollevati nel tempo.

Ne è derivato un ricco archivio normativo al quale vanno innestate circolari ministeriali e risoluzioni delle Agenzie delle Entrate.

Una rivisitazione della legge quadro sulla ristrutturazione edilizia è arrivata con il DPR 308/2001.

Attualmente, per conoscere le disposizioni previste e le detrazioni fiscali in vigore, bisogna consultare la legge 205/2017.

Il bilancio di previsione dello Stato, infatti, specifica le agevolazioni fruibili in caso di interventi legati all’efficienza energetica.

Bonus ristrutturazione edilizia: chi può accedere

Lo Stato Italiano ha scelto di investire in un futuro basato sulle energie rinnovabili. Per incentivare questo passaggio sono state promosse detrazioni IRPEF per cittadini e imprese.

Nei lunghi e spesso molto articolati commi di legge vengono inclusi tutti gli interventi ritenuti validi.

Sono oggetto di detrazioni fiscali ristrutturazione edilizia 2018 immobili privati, fabbricati per aziende e condomini.

Nella legge quadro sono state effettuate distinzioni di interventi e relativi incentivi ristrutturazione in relazione all’immobile di riferimento.

Consultando la normativa dovrai distinguere tra recupero del patrimonio, ristrutturazione edilizia e opere architettoniche ritenute funzionali all’obiettivo perseguito.

La legge di bilancio consultabile per l’anno 2018, inoltre, specifica tutti i soggetti destinatari dell’intervento.

L’Ecobonus 2018, infatti, può essere richiesto anche da chi contribuisce alla spesa o beneficia dell’impianto.

L’agevolazione fiscale è attualmente valida fino alla fine del 2018. Potrai valutare tutti gli interventi di manutenzione straordinaria utili a raggiungere un efficientamento energetico.

Conclusioni e considerazioni sulla convenienza

Il preventivo di un intervento di ristrutturazione edilizia ti sembrerà costoso solo fino a quando non valuterai adeguatamente i benefici. Dopo aver analizzato queste direttive e normative ristrutturazione edilizia potrai cambiare opinione.

Le detrazioni fiscali e il risparmio sulla bolletta energetica ti permetteranno di riconsiderare il quadro generale.

Noi di Vivereco abbiamo scelto di intraprendere un cammino “green” e aiutare i nostri clienti a percorrerlo con sicurezza.

Visita il nostro sito, consulta i nostri prodotti e le offerte attualmente attive. Dopo questa prima fase contattaci per un incontro gratuito e senza impegno.

Saremo lieti di segnalarti le opportunità alle quali puoi accedere e i benefici che otterrai nel breve e lungo termine.